mercoledì 22 giugno 2016

Trasversalità tra populismo e buonismo

"Non sono razzista ma...", "...ho tanti amici gay ma...", "...non odio le donne però...", spesso non ci si rende conto(o si fa finta) che iniziare un discorso con una di queste frasi nasconde o palesa una contraddizione verbale.
Premettere di non essere razzisti o dichiarare di avere amici gay o di amare le donne e poi esprimere un'opinione contro una o più categorie, non fa altro che accentuare l'esatto contrario, perchè si è consapevoli che ciò che seguirà sarà offensivo.
Come la sempre verde frase:"Con tutto il rispetto...". 
In politica questo genere di frasi assume un tono decisamente più grave. 
Esistono una miriade di partiti e movimenti il cui razzismo è palese, la cui omofobia è spiccata e la cui misoginia è lampante. Sono gli stessi esponenti di questi partiti(quelli ipocriti ovviamente) che iniziano frasi di questo tipo per legittimare la loro contrarietà a determinati provvedimenti. Quasi a giustificare la loro innata fobia o rabbia verso alcune categorie di persone. 
Alcuni partiti si definiscono liberali e comunitari, ma poi i loro sostenitori e alcuni loro esponenti, danno l'idea che di liberale hanno ben poco. 
Alcuni movimenti, nella teoria, sono a favore della cittadinanza, salvo venir smentiti dai loro portavoce e dai tanti seguaci che attaccano ed insultano senza sosta chiunque dica qualcosa contro il loro adorato movimento, non capendo che spesso le critiche mosse a questi partiti/movimenti, hanno un fondo di verità e che forse un minimo di autocritica la si dovrebbe fare al proprio interno. Invece pare che l'autocritica non sia mai ammessa, anzi, si trovano scusanti per giustificare dichiarazioni omofobe, xenofobe e misogine. Come se questi movimenti/partiti(parlo ovviamente in generale) avessero le verità assolute in mano, come se questi gruppi di persone non potessero mai fallire. 
Il populismo ha portato alla deriva ogni paese che lo ha infettato. Il populismo è una sorta di chiave che apre tutte le porte ma che non è in grado di richiuderle nel momento in cui serve.
Che però alcuni partiti e/o movimenti, abbiano una marcata accezione pendente verso una parte o l'altra, è palese ed evidente, nonostante  gli stessi lo neghino ad oltranza. 
Il populismo ha creato anche il buonismo, una sorta di contrapposizione a se stessi. Infatti senza il populismo non esisterebbe nemmeno il buonismo, perchè il buonismo è una costola del populismo senza il quale non avrebbe senso di esistere.
Il voto di pancia è il più dannoso, il pericoloso, perchè porta a una dittatura inconsapevole. Tutto ciò che si fa lo si fa per il bene superiore. Ma davvero è giusto? Davvero c'è bisogno di far vincere il populismo a discapito della democrazia(che ovviamente non è perfetta)?

Non lo so.

#populismo, #buonismo, #movimenti, #partiti, #democrazia, #dittatura